DSF Herbal

integrazione nutrizionale per lo stress

Mancanza di sonno, eccesso di lavoro, malattie, abusi alimentari o di alcolici, fumo, tossine ambientali ed inquinanti sono cause frequenti di stress: a queste si possono sommare situazioni emotive quali la pressione derivante da scadenze personali o professionali, cambiamenti improvvisi di stile di vita (nascite, morti, matrimoni, separazioni o divorzio, cambiamenti di lavoro…), stress ambientali (rumori, esposizioni a variazioni di temperatura o temperature estreme) e tante altre situazioni.

L’aumentata attivazione della funzionalità surrenalica necessaria per fronteggiare questi stress è responsabile di una serie di effetti collaterali quali la riduzione della funzionalità immunitaria, depauperamento dei sali minerali, cattiva digestione e alterato assorbimento dei principi alimentari.

Hans Selye ha definito l’insieme delle risposte allo stress “Sindrome Generalizzata d’Adattamento”: uno schema di risposta allo stress che comincia con una reazione d’allarme, uno stadio di resistenza e d una fase finale d’esaurimento organico. Lo stress cronico tende a depauperare le risorse organiche ed a ridurre la capacità d’adattamento dell’individuo: se questo schema difensivo continua per lungo tempo senza sostanziali interventi volti a modificare tale situazione, la capacità adattativi del corpo è compromessa, favorendo l’insorgenza delle malattie. Lo stress cronico altera la capacità del sistema immunitario ad agire in maniera adeguata, crea squilibri ormonali a livello surrenalico, timico ed in altre ghiandole corporee, che alterano ulteriormente le funzionalità immunitarie.

Lo stress può, inoltre, alterare o ridurre le capacità digestive, causare insonnia, perdita della memoria, alterazioni della libido, incremento della frequenza cardiaca, aumento della pressione ematica, suscettibilità alle infezioni, incremento dei fenomeni allergici, tensioni muscolari spesso accompagnati da dolori lombari, manifestazioni cutanee associate a manifestazioni quali ansietà, irritabilità, depressione. Le alterazioni metaboliche derivanti dallo stress promuovono la formazione di radicali liberi che possono danneggiare i tessuti, l’incremento dei livelli di colesterolo ematico e l’alterazione della composizione ematica con facilitazione dei fenomeni d’aggregazione piastrinica. L’ipofisi stimola la produzione, da parte delle ghiandole surrenali, di cortisone e cortisolo che inibiscono le funzioni del sistema immunitario e dei globuli bianchi. L’accelerazione del metabolismo induce un aumento dell’escrezione del potassio, del fosforo, del magnesio e una perdita di amminoacidi, oltre ad alterare i processi digestivi con ridotta assimilazione dei nutrienti.

L’uso del DSF Herbal (De-Stress Herbal Formula) può rivelarsi un valido coadiuvante per la riduzione degli effetti generati dallo stress.

Ingredienti attivi, per ogni tavoletta:

ü  Citrux Limon (Limone – bioflavonoidi)

 

75,00 mg

ü  Glycyrrhiza Glabra (Liquirizia deglicirrizinata – radice)

 

40,00 mg

ü  Panax Quinquefolium (Ginseng Americano)

 

27,00 mg

ü  Astralagus Membranaceus (Astragalo)

 

20,00 mg

ü  Chlorella Pyroneidosa (Chlorella)

 

25,00 mg

ü  Ulmus Fulva (Olmo)

 

20,00 mg

ü  Citrux Maxima (Pompelmo – semi)

estratto

1,00 mg

ü  Lactobacillus Acidophilus

colonie

2.000.000

ü  Lactobacillus Bulgaricus

colonie

2.000.000

ü  5-idrossi-Triptofano

 

5,00 mg

ü  Acido Folico

 

50,00 μg

ü  Vitamina B2

 

5,00 mg

ü  Vitamina B3 (Niacinamide)

 

15,00 mg

ü  Vitamina B5 (d-calcio pantotenato)

 

15,00 mg

ü  Vitamina B6

 

5,00 mg

ü  Vitamina B6 (piridossal-5-fosfato)

 

2,00 mg

ü  Vitamina C

 

30,00 mg

ü  Cromo (chelato)

 

50,00 μg

ü  Magnesio (citrato)

 

3,20 mg

ü  Potassio (chelato)

 

400,00 μg

ü  Zinco (chelato)

 

500,00 μg

ü  L-Tirosina

 

50,00 mg

ü  L-Glutammina

 

15,00 mg

ü  L-Arginina

 

1,00 mg

ü  L-Cisteina

 

1,00 mg

ü  L-Glicina

 

1,00 mg

ü  L-Istidina

 

1,00 mg

ü  L-Metionina

 

1,00 mg

ü  L-Taurina

 

1,00 mg

 Non contiene aggiunte di zucchero, sale, lievito, farina di grano o mais, derivati del latte, conservanti, colori artificiali, dolcificanti o additivi. L’azione sinergica dei singoli componenti presenti nel preparato riduce il fabbisogno di ogni singola sostanza, amplificandone l’azione biologica. In alcuni studi riportati, al fine di ottenere risultati clinici, sono consigliate dosaggi elevati dei singoli principi attivi; il medesimo effetto biologico viene ottenuto grazie alla sinergia dei componenti.

Codice prodotto: NW2728 – Adatto per Vegetariani e Vegan.        Quantità per confezione: 60 compresse.

farmacopea:

Citrux Limon – Bioflavonoidi: normalizzano gli ormoni surrenalici e sessuali.

Glycyrrhiza Glabra (Liquirizia Deglicirrizinata): ha un’azione benefica sulle ghiandole endocrine, sullo stomaco e sul fegato. I triterpeni della liquirizia sono metabolizzati in sostanze simili per struttura agli ormoni surrenalici e possono essere i responsabili dell’azione antinfiammatoria di questa pianta. Aumenta l’integrità delle cellule mucose, migliorando la funzione protettiva e l’apporto ematico nei tessuti[1] Ha potenti effetti cicatrizzanti[2]. Svolge inoltre un’azione inibitoria sull’Elicobacter Pylori, svolgendo un’azione preventiva sulle gastriti, ulcere ed il cancro gastrico[3].

Panax Quinquefolium (Ginseng Americano): potente adattogeno che aiuta il corpo a fronteggiare lo stress attraverso la normalizzazione e la stimolazione della funzione surrenalica del sistema immunitario. Svolge un’azione antiossidante ed epatoprotettrice.

Astralagus Membranaceus (Astragalo): contiene numerosi fitochimici che includono flavonoidi, polisaccaridi glicosidi triterpenici e oligoelementi[4]. Si riporta abbia un’azione immunostimolante: secondo ricerche condotte presso l’Anderson Hospital in Houston, Texas, l’astralago riporta il numero delle cellule-T a valori normali in pazienti affetti da alcune tipologie di tumori[5]. Sembra attivo nei casi d’infezioni virali, chemioterapia e Morbo d’Alzheimer[6]. Shen Nong, il fondatore della Medicina Erboristica cinese, nel suo trattato Shen Nong Pen Tsao Ching, A.D., circa 100,  classifica l’astralago come un’erba superiore dalle proprietà toniche: in medicina cinese viene utilizzato per trattare la deficienza di wei chi (energia difensiva), nei casi di fatica, debolezza, perdita di appetito, diarrea, sudori notturni[7]. Aiuta a migliorare la digestione e la funzionalità surrenalica. Ha un’azione tonica sul sistema immunitario, favorisce l’utilizzazione dell’energia corporea.

Chlorella Pyroneidosa (Clorella): microalga, ricca di vitamine, sali minerali e antiossidanti in grado di accelerare i processi di rigenerazione tessutale. Ha un’azione emopoietica ed epatostimolante.

Ulmus Fulva (Olmo): gli estratti d’Olmo svolgono un’azione lenitiva, emolliente  e protettiva sulle mucose gastriche, intestinali e del tratto urinario. L’azione calmante si esplica a livello delle mucose infiammate del tratto gastro-intestinale[8]. L’azione si esplica attraverso la mucillagine che stimola la secrezione del filmante muco-bicarbonatico da parte delle pareti, con azione preventiva e protettiva nei confronti delle ulcerazioni.

Citrus Maxima (Estratto di Semi di Pompelmo): contengono i Proantocianidi, potenti antiossidanti, che proteggono l’organismo dall’eccesso di radicali liberi prodotti dallo stress. Riduce il fabbisogno di Vitamina C[9] [10] [11].

Lactobacillus Acidophilus: favorisce la ricolonizzazione da parte dei batteri simbionti dell’intestino, della bocca e della vagina. Promuove un miglioramento dei processi digestivi, attraverso la liberazione di lattasi che intervengono nella digestione degli zuccheri del latte, stimola le difese immunitarie e aiuta ad aumentare la resistenza alle infezioni. Produce acido lattico, perossidi d’idrogeno e acido acetico che promuove una normalizzazione acida dell’intestino ricreando un ambiente idoneo a prevenire le infezioni batteriche[12]. Ci sono evidenze dell’azione dell’Acidophilus nel prevenire o combattere fenomeni diarroici causati da antibiotici, parassitosi o superinfezioni batteriche, attraverso la rigenerazione della flora batterica saprofitaria, riducendo la formazione di gas, il gonfiore e la fermentazione, e la tossicità sistemica causata dalla proliferazione della candida albicans.  L’Acidophilus è battericida per il clostridium botulini, la salmonella e gli stafilococchi[13].  Produce alcune vitamine B, la biotina, la vitamina K, and enzimi nel tratto intestinale, facilitando i processi di detossificazione[14].

Lactobacillus Bulgaricus: è un residente transitorio del tratto gastro-intestinale che produce antibiotici naturali e crea un ambiente ottimale per la flora batterica saprofitaria, attraverso la produzione d’acido lattico.

5-Idrossi-Triptofano: prodotto a partire dall’amminoacido essenziale Triptofano, grazie all’azione dell’enzima triptofano idrolisi, è il precursore della serotonina, neuropeptide coinvolto sia nel mantenimento del tono dell’umore, sia nell’attivazione di un sonno riposante e defatigante. Il triptofano ha trovato applicazione come supplemento alimentare, nell’ambito del trattamento dell’obesità, dei disordini del sonno e nelle manifestazioni depressive. Se assunto prima dei pasti, tende a modificare la scelta alimentare, facilitando la propensione a diete a basso tenore di carboidrati e a più alto tenore di proteine, con un profilo calorico più ridotto. La sua assunzione tende ad aumentare i livelli ematici di colecistochinina. Assunto prima di coricarsi facilita l’addormentarsi e migliora la qualità del sonno. La sua relazione con la serotonina tende a favorire la produzione e l’utilizzazione da parte del sistema nervoso di quest’ultima, inducendo un maggior livello di rilassamento e aiutando l’organismo a ridurre i segni della tensione, dell’ansietà e le tendenze depressive[15]. L’assunzione di Triptofano tende a ridurre l’intensità e la frequenza degli episodi ansiosi, specialmente quelli che non vengono modificati dalla Tirosina. Aiuta a stabilizzare il tono dell’umore e a normalizzare i comportamenti iperattivi nel bambino, oltre a ridurre le manifestazioni di stress. In uno studio finlandese, il triptofano ha ridotto i livelli di dolorabilità ed ha aumentato la tolleranza al dolore[16]. aiuta ad alleviare gli effetti emotivi dello stress e dell’iperattività. Viene convertita in serotonina che migliora il tono dell’umore, la depressione, l’insonnia. Da usarsi con cautela nelle persone che assumono prodotti serotoninergici.

Acido Folico: aiuta ad alleviare la depressione e l’ansietà; aiuta a prevenire la fatica, l’insonnia e i disturbi digestivi.

Vitamina B2: azione protettrice sul sistema nervoso e quello ghiandolare.

Vitamina B2Acido Pantotenico: nutriente per lo stress indispensabile per il timo e le ghiandole surrenali.

Vitamina B6Piridossal-5-Fosfato: forma attiva della vitamina B6, è necessario per il metabolismo di gran parte degli ammino-acidi.  Aiuta la conversione del triptofano nella niacina (vitamina B3), favorendo una riduzione del nervosismo ed una diminuzione degli spasmi muscolari notturni. La vitamina B6 è necessaria per il metabolismo del triptofano e, assieme alla vitamina C, migliora l’assorbimento del triptofano a livello cerebrale, aumentando gli effetti del triptofano nell’accorciare i tempi dell’insorgenza del sonno, nel migliorare la qualità del sonno e indurre un risveglio qualitativamente più efficiente[17] [18]. Riduce la formazione di crampi muscolari notturni e il nervosismo ed ha un’azione calmante.

Vitamina B12: necessaria per una digestione appropriata e per l’assorbimento dei nutrienti. Ha un’azione preventiva sui fenomeni depressivi, sul nervosismo, l’irritabilità, la perdita di memoria, la degenerazione dei nervi e del midollo spinale.

Vitamina C: essenziale per la salute delle surrenali, aiuta l’organismo a gestire gli effetti dello stress. Ha azioni tranquillizzanti, ansiolitiche e antidepressive.

Cromo Chelato: interviene nei meccanismi di regolazione della glicemia, entrando a far parte del fattore di trasferimento del glucosio[19] [20].

Magnesio Citrato: azione preventiva su nervosismo, ansietà, tensione, irritabilità, depressione.

Potassio Chelato: previene il nervosismo e rigenera le riserve tessutali

Zinco Chelato: più di 300 enzimi corporei utilizzano lo zinco come co-fattore. Coinvolto nei processi di cicatrizzazione, favorisce la guarigione delle ulcere gastriche; protegge il sistema immunitario, il timo ed il pancreas e svolge un’azione significativa nelle malattie infiammatorie dell’intestino[21] [22] [23] [24]. Una ridotta acidità gastrica inibisce l’assorbimento dello zinco[25]. Sembra abbia effetti protettivi nell’Alzheimer[26] [27], nei disturbi dell’attenzione. Aiuta a mantenere l’attività del sistema immunitario, del timo e del pancreas.

L-Tirosina: aiuta a ridurre gli effetti dello stress sul corpo, allevia la depressione e favorisce l’insorgenza di un sonno ristoratore. La tiroxina è un precursore per la formazione a livello surrenalico d’adrenalina e nor-adrenalina, a livello tiroideo della tiroxina, e della dopamina. Da non utilizzarsi in caso d’uso di farmaci inibitori delle MAO o in caso di sospetto melanoma.

L-Glutamina: è stata utilizzata per alleviare la depressione, lo smodato bisogno di alcol e zuccheri; ha un’azione protettiva nei confronti dei danni causati dall’alcol. La glutammica passa la barriera emato-encefalica: a livello cerebrale è convertita in acido glutammico, un combustibile per le cellule cerebrali, che viene convertito in GABA, una sostanza ad azione tranquillizzante che protegge il sistema nervoso dall’azione tossica dell’ammoniaca. L’acido glutammico è un componente del GTF (fattore di tolleranza al glucosio).

L-Arginina: aiuta ad incrementare la dimensione e la funzione del timo.

L-Cisteina: il principale ammino-acido solforato, aiuta nella disintossicazione da metalli pesanti. Insieme alla niacinamide, all’acido glutammico, alla glicina, ed al cromo forma il fattore di tolleranza al glucosio. Funge da “spazzino” per i radicali liberi  e protegge dagli effetti del fumo e dell’alcool.

L-Glicina: necessaria per l’equilibrio del sistema nervoso centrale, della milza, del timo e del midollo osseo. Fa parte del fattore di tolleranza al glucosio, agisce come antiossidante e aiuta i processi di disintossicazione epatica.

L-Histidina: aiuta a rimuovere i metalli tossici dal corpo. Ha un’azione protettiva sulle cellule nervose, incrementa la risposta sessuale ed incrementa la produzione di succhi gastrici.

L-Metionina: aiuta nel processo di disintossicazione da metalli pesanti e a neutralizzare i radicali liberi. Favorisce i processi digestivi.

L-Taurina: aiuta a normalizzare l’equilibrio degli altri ammino-acidi; permette la corretta utilizzazione del potassio a livello cardiaco. Necessaria per la digestione dei grassi, l’assorbimento delle vitamine liposolubili, è necessaria per un appropriato utilizzo degli elettroliti. Allevia l’ansia, l’iperattività e migliora le funzioni cerebrali. Riduce la necessità d’insulina.

Azioni ed Indicazioni:

  • Per la gestione dello stress e per minimizzarne gli effetti negativi esercitati sul corpo.

Controindicazioni – Precauzioni – Effetti Collaterali – Interazioni Farmacologiche:

  • Non utilizzare prodotti contenenti L-Tirosina nel caso che il soggetto assuma farmaci anti-MAO.
  • Alti dosaggi di Vitamina C non dovrebbero essere utilizzati in soggetti affetti da gotta, con tendenza alla calcolosi renale o da patologie da sovraccarico di ferro
  • Alte dosi di Triptofano non devono essere assunte in gravidanza.
  • Alte dosi di Triptofano non dovrebbero essere combinate con l’assunzione di farmaci inibitori delle MAO.

Dosaggio:

  • Adulti: 1/2 compresse, 1/2 volte il giorno.

[1] Glick L., Lancet ii: 817, 1982

[2] Kassir ZA, Irish Med J, 78:153-56, 1985

[3] “DGL may inhibit Helicobacter Pylori”, Am J of Nat Med. 1995; 2(10):16

[4] Shuy, HY, Oriental Materia Medica: A Concise Guide, Palos Verdes, CA: Oriental Healing Arts Press, 1992: 27-33

[5] Lininger, 1998: 234

[6] Lininger, 1998:233

[7] Foster, S, Chongxi, Y, Herbal Emissaries: Bringing Chinese Herbs to the West, Rochester, VT: Healing Arts Press, 1992:27-33

[8] Balch JF, Prescription for Nutritional Healing, 1990, Garden City, NY

[9] Maffei Facino R, Carini M, Aldini G, et al. Free radical scavenging action and anti-enzyme activities of procyanidines from Vitis vinifera. A mechanism for their capillary protective action. Arzneimittelforschung. 1994;44:592–601

[10] Kuttan R, Donnelly PV, Di Ferrante N. Collagen treated with (+)-catechin becomes resistant to the action of mammalian collagenase. Experientia. 1981;37:221–223

[11] Masquelier J, Dumon MC, Dumas J. Stabilization of collagen by procyanidolic oligomers [in French; English abstract]. Acta Ther. 1981;7:101–105

[12] Rasic, JL, “The role of diary foods containing bifido and acidophilus bacteria in nutrition and health,” N Eur Dairy J 1983; 4:80-88

[13] Carper, 1988: 314-318

[14] Balch & Balch, 1997:56

[15] J of Nutri 1982; 112:2001; Reviews of Clin Nutri; 53(3): 169

[16] Chaitow 1988: 66-70; 58-9; Balch & Balch 1997:42

[17] Mindell 1985:33-4

[18] Chaitow 1988: 63-70

[19] Anderson RA, Polansky MM, Bryden NA, et al. Chromium supplementation of human subjects: effects on glucose, insulin and lipid variables. Metabolism. 1983;32:894–899

[20] Wilson BE, Gondy A. Effects of chromium supplementation on fasting insulin levels and lipid parameters in healthy, non-obese young subjects. Diabetes Res Clin Pract. 1995;28:179–184

[21] Sjogren A, Floren CH, Nilsson A. Evaluation of zinc status in subjects with Crohn’s disease. J Am Coll Nutr. 1988;7:57–60

[22] Van de Wal Y, Van der Sluys Veer A, Verspaget HW, et al. Effect of zinc therapy on natural killer cell activity in inflammatory bowel disease. Aliment Pharmacol Ther. 1993;7:281–286

[23] Mulder TP, van der Sluys Veer A, Verspaget HW, et al. Effect of oral zinc supplementation on metallothionein and superoxide dismutase concentrations in patients with inflammatory bowel disease. J Gastroenterol Hepatol. 1994;9:472–477

[24] Dronfield MW, Malone JD, Langman MJ. Zinc in ulcerative colitis: a therapeutic trial and report on plasma levels. Gut.1977;18:33–36

[25] Sturniolo GC, Montino MC, Rossetto L, et al. Inhibition of gastric acid secretion reduces zinc absorption in man. J Am Coll Nutr. 1991;10:372–375

[26] Cuajungco MP, Lees GJ. Zinc metabolism in the brain: Relevance to human neurodegenerative disorders. Neurobiol Dis. 1997;4:137–169; 80

[27] Lovell MA, Robertson JD, Teesdale WJ, et al. Copper, iron and zinc in Alzheimer’s disease senile plaques. J Neurol Sci. 1998;158:47–52

Scroll Up
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: