mughetto

definizione

Glossite da Candida Albicans (Oidium Albicans), frequente nel neonato e nella prima infanzia: si caratterizza per la formazione di una patina linguale costituita da questo micetale che assumono la forma di corpuscoli risplendenti e di formazioni filamentose, deposizioni biancastre pseudomembranose, facilmente staccabili, sulla mucosa della bocca, specialmente sulla lingua e sul palato dove più spesso si trova; le membrane possono estendersi anche all’esofago e alla laringe, invadendo, di rado, lo stomaco, la trachea, le cavità nasali.

La definizione di “mughetto”, comunemente utilizzata per questa glossite, deriva dal francese muguet, che discende dal latino muscus, adattamento del greco μόσχος (→ secrezione biancastra odorosa prodotta dai cervidi), in quanto il suo aspetto caratterizzato da formazioni biancastre con aspetto di “latte cagliato”, ricorda la fioritura della pianta (Convallaria Majalis).

descrizione

Il mughetto è un’affezione peculiare del lattante; negli adulti il mughetto spesso è una superinfezione che si sviluppa durante l’infiammazione della bocca (stomatite), in presenza di grave indebolimento organico o cachessia: la Candida Albicans è parte integrante della flora presente nel cavo orale di molte persone; solamente quando le difese immunitarie dell’ospite precipitano, questo microrganismo può proliferare pressoché indisturbato all’interno della bocca, provocando l’infezione nota come candidosi orale, di cui il mughetto (o candidosi acuta pseudomembranosa) è la manifestazione più caratteristica. Lo sviluppo del fungo, che avviene soltanto in ambiente acido, è favorito dalla presenza di sostanze facilmente fermentescibili, come sono i residui alimentari.

I disturbi consistono in difficoltà all’assunzione del cibo, oppure nelle conseguenze dell’ostruzione meccanica delle vie aeree nei casi di propagazione faringo-laringea; può aversi un catarro gastro-intestinale per la penetrazione dei prodotti irritanti di secrezione della stomatite. Il mughetto può accidentalmente trovarsi anche in corrispondenza di processi ulcerativi di varia natura stomacali e intestinali, sulle mammelle, nei focolai bronco-pneumonitici dei bambini.

sintomatologia

Il mughetto è caratterizzato dalla comparsa di placche biancastre, lattescenti, puntiformi, lenticolari o confluenti; le sedi comunemente colpite sono il dorso della lingua e meno spesso il palato: una particolare caratteristica del mughetto è la possibilità di rimuovere la placca biancastra con una garza rivelando una base eritematosa, viva e a volte sanguinante.

Può cagionare un intenso bruciore (glossopirosi o stomatopirosi), per il quale si hanno difficoltà ad alimentarsi e non si percepiscono i sapori (ageusia); quando l’infezione è estesa anche nella gola e nell’esofago, chi ne è colpito lamenta difficoltà di deglutizione (disfagia) e glossodinia.

Il lattante tende a manifestare il disagio indotto dal mughetto tramite crisi di pianto e nervosismo, mentre quando l’infezione si trasmette dalla bocca del piccolo al seno della madre, quest’ultima lamenta sintomi come capezzoli arrossati, particolarmente sensibili o dolenti.

« all'indice del glossario