clorofillina

definizione

Derivato della clorofilla dove il magnesio è sostituito dal rame; sotto forma di sale sodico, è solubile in acqua: possiede effetti antimutageni, antiossidanti (inibisce le reazioni promosse dall’ossigeno, prevenendo così l’ossidazione e l’irrancidimento), antiapoptotici e immunostimolatori, ed è dotata della capacità di legare ed incrementare l’espulsione delle esotossine. Fornisce benefici, come la prevenzione dell’odore corporeo (riduce o maschera gli odori sgradevoli del corpo) sia a livello cutaneo, intestinale (alitosi, bromopnea, fermentazione o putrefazione intestinale) o urinario; facilita la guarigione delle ferite e migliore il turgore cutaneo.

« all'indice del glossario